Open Impro review by Marco Franceschetti


Jaruzelski’s Dream – Jazz Gawronski (CF 211)
Questo lavoro del trio Jaruzelski’s Dream è free jazz italiano nella forma migliore:  intenso, musicale, vivace.
Bittolo Bon, Senni e Cusa sono esponenti di punta della scena improvvisativa della penisola, e attivi nelle principali associazioni/etichette attualmente presenti: El Gallo Rojo e Improvvisatore Involontario.
Il disco è quasi una satira del progetto a tema, un lavoro la cui referenzialità endogena (chiedo scusa al lettore per questa adeguata ma orrenda espressione) è esplicitata e rivendicata con un mix di ostentazione e autoironia.
Jaruselksi’s Dream ci propone la sua musica e ci racconta una storia: tre amici musicisti si trovano nella casa studio di uno dei tre, a Venezia, fanno un bel brainstorming sulla Polonia nell’immaginario italiano, mischiano, storpiano i nomi, e poi incidono. Non necessariamente in questo ordine, immaginiamo. I titoli dei brani sono parte integrante di questo lavoro intenso e divertente, leggero e ritmico. Alcuni sono a nostro parere geniali, come “The Mastella Variations” o “Pimpin the Papamobile”. Il Cd è sicuramente gustoso, nel senso buono del termine.
Consigliamo quindi di superare come sberleffo il sottofondo di fastidio per la foto del generale e dittatore Jaruselksi in copertina, personaggio su cui non è facile inquadrare una cifra adatta alla rivisitazione in chiave ironica.
Meglio le autoproduzioni precedenti alla edizione Clean Feed, dove il generale non compariva come icona.
http://www.openimpro.com/blog/2011/01/01/ci-sono-piaciuti-nel-2010/

+ There are no comments

Add yours