All About Jazz Italy review by Vicenzo Roggero


cf078.gif
Wishful Thinking (CF 078)

Nata per dar voce alla scena più creativa del jazz portoghese, la Clean Feed nel corso degli anni è andata via via allargando i confini geografici delle proprie produzioni reclutando artisti prestigiosi della scena improvvisativa mondiale. E incoraggiando operazioni come Wishful Thinking, collettivo multietnico composto da due portoghesi, un tedesco, un brasiliano ed un inglese.
Progetto paritetico (le dieci composizioni sono equamente divise tra i componenti del gruppo, ad eccezione del batterista Rui Goncalves) Wishful Thinking sembra trovare un leader naturale in Alex Maguire, pianista britannico già membro di formazioni guidate da Elton Dean e Derek Bailey. Sua la voce più originale, suoi gli interventi più fantasiosi e di maggior peso specifico, suo il ruolo di invisibile coordinatore.
Anche se Wishful Thinking rimane principalmente un prodotto collettivo, caratterizzato da un neo bop robusto, urbano, nervoso con fremiti funky grazie alla presenza del basso elettrico di Ricardo Freitas. Con qualche apertura a situazioni di maggior informalità, in “Electrico 28“ piacciono gli incroci pericolosi tra il tenore di Neto e la tromba di Krieger, o a momenti di intesa commozione, “Urs’s Epitaph – Der Hirt“.
Disco piacevole e ottimamente suonato, Wishful Thinking manca di quella dose di imprevedibilità e di gusto per il rischio che caratterizzano la maggior parte delle incisioni dell’etichetta portoghese.

+ There are no comments

Add yours